lunedì 15 aprile 2013

SHE'S A MAN

Sono sempre stata dell'idea che dentro ogni ragazza c'è la curiosità di provare a fare porcate con altre ragazze, penso sia una cosa normale soprattutto nell'adolescenza, ovviamente tralasciando lesbiche e bisessuali.
A 14 anni ero innamorata della mia amica lesbica L., dopo qualche anno ci siamo ritrovate e a 17 anni diventò la mia morosetta.
La cosa durò occhio e croce 7 mesi, poi lei senza nessun preavviso mi "lasciò" e si trasferì in un'altra regione.
Ogni tanto ci sentivamo perché ci siamo sempre volute bene, ma da 2 anni a questa parte avevo perso le sue tracce.
L'altra sera ci siamo scritte via chat su Facebook perché avevo come l'impressione che dovesse dirmi qualcosa.
Bene, qualcosa me l'ha detta...
Mi ha detto che da più di un anno ha intrapreso un percorso per diventare uomo, ormai lei è un lui e si chiama Fabio.
Questo significa aver fatto un anno di sedute da psicologi e psichiatri, ed esser partita con punture di ormoni per arrivare all'asportazione di ovaie, utero e seno e più avanti far diventare la sua vagina un pippino.
Lui è felice e s'incazza pure se mi scappa qualche aggettivo femminile! Ha tutto il mio rispetto e il mio supporto se lo vorrà, ha anche una ragazza che lo sostiene.
So che in realtà non si è mai sentito donna e ci stava male in quei costretti panni, ma è come se una persona alla quale ho voluto tanto bene fosse morta.
Sì, lui è sempre "lei" però non so, mi fa strano, devo abituarmi, non è cosa da tutti i giorni...
Gli ho fatto tante domande, sono curiosa, sono curiosa anche di vedere come sta diventando ma al tempo stesso ho "Paura" di questo suo cambiamento.
Che poi, pensateci, farsi aprire il ventre per eliminare l'utero e farsi togliere le mammelle, accettare e voler fare un'operazione che non sei obbligato a fare, vuol dire che stai proprio male, e ODIO sentire persone bigotte che additano questi comportamenti, anche la mia prima parola dopo questa sua confidenza è stata una bestemmia, ma perché lei è L. e non avrei mai pensato che diventasse un Fabio, però è così, l'ho accettato e gli voglio bene ugualmente e anzi, sono pure orgogliosa di lui come lo è tutta la sua famiglia, i colleghi e gli amici.

IN LIFE YOU SHOULD BE YOURSELF.

10 commenti:

  1. Ecco, questa è una cosa che mi manca.
    Ovvero non ho mai sentito attrazione verso una mia simile.
    Ho avuto amiche con le quali ho dormito, ho fatto docce, ma non mi è mai capitato di desiderare una donna.
    Comunque, se qualcuno è disposto a una simile tortura, come quella di trasformarsi sessualmente, è perchè la situazione in cui si trova lo fa sentire disperato.
    Quindi, capisco perfettamente la sua scelta.

    RispondiElimina
  2. Mai desiderato di fare porcate con una lei, anche ora che frequento la palestra e ho i loro corpi che mi sfilano davanti mi chiedo cosa ci trovino gli uomini di tanto eccitante.
    Ci vuole una bella fetta di coraggio per buttare via i panni che ci stanno stretti! Li teniamo nell'armadio in attesa di poterli rimettere, e poi... Si vede che non ci si è affezionato e ha messo un punto a quella vita per ricominciare da capo, e non è da tutti. I miei rispetti.

    RispondiElimina
  3. Sì, io generalizzo sempre! Ma solo perché prendo spunto dalle persone che conosco....
    Lui avrà il rispetto di tutti prima o dopo, anche perché è una persona speciale a prescindere.

    RispondiElimina
  4. è bello che sia seguito con tanto affetto dalle persone che ha intorno, anche se ovviamente è un processo che da sensazioni strane anche per chi lo vive da fuori. Personalmente non ho mai assistito nessuno in questa esperienza e quindi non so dirti, ma se dovesse capitare a me di trovarmi al tuo posto credo sentirei solo una sensazione di... strano. E di affetto. Quello che esterni tu in questo post, insomma.

    “Uno è tanto più autentico quanto più somiglia all'idea che ha sognato di se stesso”

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eeeehhh mi sentivo così bene quando volevo fare la Dark!! :)
      Sì, voglio stargli vicino se me lo consentirà...

      Elimina
  5. é da un pò di tempo che mi ritrovo a riflettere su cosa sia e come arrivi la maturità..
    Mi sono convinta che questo termine si possa tranquillamente usare per definire lo stato di una persona che,presa coscienza della sua natura,fa ciò che ritiene opportuno per alleviare le sue pene. Io dico quindi che a prescindere dalla portata del problema,chiunque affronti i suoi demoni cercando soluzioni e non crogiolandosi nel vittimismo sia degno della definizione "persona matura".
    L. avrà sempre la mia stima..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me persona matura significa riuscire a tirarsi fuori dalla merda da soli, più o meno quello che intendi tu.
      Effettivamente è quello che sta facendo lui, si tira fuori dalla sua merda interiore.

      Elimina
  6. uno dovrebbe poter fare qualunque cosa per essere felice. anche farsi rivoltare la patata come un calzino e trasformarla in un pisello.

    auguri a lui e speriamo che riesca a star bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo... Ma a quanto pare sta benissimo!!! :D

      Elimina
  7. Ho sempre pensato anch'io,che per intraprendere un percorso simile bisogna avere davvero delle motivazioni fortissime,massimo rispetto per chi ha il coraggio di passare attraverso tanta sofferenza per riuscire ad essere se stesso!!!!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...